Publications

Total results: 9.

The Common Network Statistics (CNS) provides an insight into the quantitative outputs of NRNs in Y4 (2017 data), highlighting the development achieved by the NRNs.

Questo opuscolo analizza il contributo dei finanziamenti erogati nell’ambito dei Programmi di sviluppo rurale (PSR) cofinanziati dal FEASR per un uso sostenibile delle risorse naturali, in particolare acqua e suolo.

Il concetto di uso efficiente delle risorse si fonda sull’idea “fare di più con meno”. In questa ottica, i progetti presentati in questo volume evidenziano una serie di pratiche virtuose che generano un maggior valore economico e ambientale con minori input.

Il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) fornisce un prezioso sostegno alle economie rurali d’Europa, accelerando il passaggio verso un’agricoltura più sostenibile.

Questa scheda informativa delinea un quadro generale delle Reti rurali nazionali (RRN) presenti nell’UE, illustrando inoltre l’attuazione del loro mandato e le problematiche che influenzano l’attività in rete a livello regionale e locale.

Questo opuscolo sui progetti finanziati dal FEASR illustra come gli abitanti delle zone rurali abbiano utilizzato gli aiuti erogati nell’ambito dei Programmi di sviluppo rurale (PSR), cofinanziati dal FEASR, per sostenere azioni in linea con il processo di “Transizione verso un’economia rurale verde”.

Si tratta di un processo che punta a sfruttare opportunità economiche sostenibili dal punto di vista ambientale e sociale, nonché ad ottenere migliori prestazioni ambientali con modalità economicamente e socialmente sostenibili.

I progetti rispecchiano l’ampia varietà di approcci che i PSR possono sostenere in questo ambito tra cui: vivere di attività legate alla biodiversità; ottenere di più con meno; promuovere un turismo più verde; generare energia rinnovabile a partire dalle produzioni rurali; installare infrastrutture per lo sfruttamento delle rinnovabili nelle zone rurali; cooperare per un’economia più verde.

Questa scheda informativa analizza come gli approcci territoriali ascendenti quali LEADER/CLLD possano svolgere un importante ruolo nell’affrontare le tematiche legate alla povertà e all’inclusione sociale nelle zone rurali. LEADER/CLLD può contribuire a individuare specifici problemi locali, affrontarli con misure personalizzate e consorziare i diversi soggetti per soluzioni più efficaci.

Questa scheda informativa analizza il ruolo delle reti (politiche) nel sostegno all’inclusione sociale nelle zone rurali. Uno dei principali elementi di valore aggiunto delle reti è la possibilità di associare diversi attori intorno a questioni di interesse comune e facilitare gli scambi di esperienza e di opinione tra tali soggetti. Attraverso queste attività, le reti possono contribuire a individuare e superare problemi e sfide comuni e, in ultima analisi, garantire una migliore attuazione delle politiche.

Questa scheda informativa analizza possibili soluzioni per sostenere l’inclusione di migranti e rifugiati nelle zone rurali. Coloro che migrano per ragioni economiche sono diventati una delle pietre miliari dell’economia rurale di oggi. Negli ultimi anni, ai migranti economici si è aggiunto oltre un milione di richiedenti asilo, provenienti da paesi dilaniati da guerre e conflitti. 

La presenza di migranti e richiedenti asilo, che in molte zone rurali può rappresentare una sfida di rilievo per i responsabili politici e i residenti locali, offre al contempo nuove opportunità di sviluppo rurale.

La presente scheda informativa analizza il tema dell’inclusione sociale del popolo Rom nell’ambito di LEADER/CLLD. Nell’UE, la maggior parte dei Rom è vittima di una qualche forma di discriminazione che si traduce in esclusione e povertà persistente. 

Nelle zone rurali, le sfide specifiche sono rappresentate dalla mancanza di sbocchi economici, dalla presenza di servizi pubblici carenti e da alloggi e infrastrutture di qualità inferiore agli standard minimi. LEADER/CLLD non solo offre opportunità per realizzare miglioramenti concreti, ma stimola anche un’attiva partecipazione dei Rom alla vita della collettività.

Questa scheda informativa analizza possibili soluzioni per sostenere il processo di inclusione sociale dei giovani nelle zone rurali. I giovani sono penalizzati da una serie di svantaggi (quali mancanza di istruzione e formazione, disoccupazione, servizi di base carenti), soprattutto nelle zone rurali. I programmi di sviluppo rurale (PSR), e in particolare LEADER/CLLD, possono contribuire ad affrontare queste problematiche. Alcune delle iniziative più virtuose in tale ambito sono state realizzate non solo per i giovani, ma dagli stessi giovani.