Gruppi di lavoro LEADER 3: Attuazione della misura "cooperazione" di LEADER

Gruppi di lavoro LEADER 3: Attuazione della misura "cooperazione" di LEADER

Incarico

La cooperazione transnazionale (CTN) è considerata un fattore importante dell'approccio LEADER ed è soggetta a numerose sfide nell'attuale periodo di programmazione 2007-13. Il Focus Group (FG) mira a:

  1. formulare raccomandazioni intese a migliorare le procedure di attuazione, sulla base di una valutazione degli aspetti seguenti:
    • assenza di sincronizzazione in ambito decisionale e norme amministrative diverse;
    • aspettative diverse da parte dei beneficiari nei diversi Stati membri;
    • esigenze d'informazione dei diversi tipi di partner che partecipano all'attuazione della CTN.
  2. identificare i settori chiave in cui i progetti di CTN sono particolarmente necessari e/o potrebbero contribuire maggiormente al conseguimento degli obiettivi delle strategie di sviluppo rurale regionali, nazionali o dell'UE.

Co-presidenti

Juha-Matti Markkola, RRN Finlandia e Ave Bremse, RRN Estonia

Membri

Il Focus Group è costituito da 38 partecipanti, provenienti da 20 Stati membri, e comprende rappresentanti delle autorità di gestione, delle unità di supporto delle RRN, dei GAL e di un Organismo pagatore, una ONG e un istituto di ricerca.

Principali attività della fase 1 (fino al sottocomitato LEADER del 20 maggio 2010)

  • Il gruppo si è riunito in sessione plenaria a due riprese, il 16 febbraio 2010 in Estonia e il 30 marzo 2010 in Finlandia. L'obiettivo delle riunioni era quello di identificare e proporre soluzioni per superare le differenze esistenti nei diversi Stati membri in merito alla selezione e alla gestione del progetti di CTN LEADER. Una prima bozza di relazione intermedia è stata preparata e presentata alla riunione del sottocomitato LEADER del 20 maggio 2010. In conformità con il suo mandato, il Focus Group ha inserito nella relazione proposte per possibili soluzioni ai seguenti problemi specifici:
    • i diversi tipi di procedure decisionali utilizzate negli Stati membri per la selezione dei progetti;
    • l'assenza di sostegno tecnico preparatorio;
    • le differenze in merito alle diverse aliquote di sostegno finanziario dei progetti;
    • esigenze diverse in merito alla documentazione (e alla lingua);
    • le differenze nei criteri utilizzati per definire le "azioni comuni";
    • l'ammissibilità e la condivisione dei "costi comuni";
    • la ricerca di una maniera efficace per poter condividere le informazioni necessarie con le parti interessate nelle diverse fasi del ciclo di vita dei progetti;
    • la capacità di gestione dei GAL.

La DG AGRI ed il Punto di contatto RESR hanno collaborato al lavoro dell'FG. Inoltre, il Punto di contatto RESR ha consentito lo svolgimento di tre riunioni via Internet. Le riunioni, che i partecipanti al Focus Group hanno ritenuto utilissime, erano a scopo preparativo e di sintesi e hanno preceduto e seguito le riunioni che prevedevano la presenza fisica.

Principali attività della fase 2 (fino al sottocomitato LEADER del 12 novembre 2010)

Il lavoro del Focus Group è proseguito nell'autunno 2010, fino alla riunione del sottocomitato LEADER, svoltasi a novembre 2010.

Successivamente alla Fase 1, dietro suggerimento della co-presidenza, è stato condotto un mini-sondaggio tra i partecipanti all'FG3 e le rispettive parti interessate, cui hanno partecipato responsabili di GAL/progetto che preparavano o gestivano progetti di CTN e gli amministratori incaricati del trattamento delle candidature a progetti di CTN e dei pagamenti.

Scopo del sondaggio era quello di arrivare a ulteriori chiarimenti che potessero contribuire ad approfondire, in particolare, la discussione dei tre argomenti affrontati dall'FG3:

  1. la definizione di "azione comune";
  2. le categorie generali di costi comuni;
  3. i settori chiave dei progetti di cooperazione.

Ai membri del sottocomitato LEADER è stata presentata una relazione di sintesi con informazioni sui risultati del sondaggio e del relativo lavoro svolto dall'FG3. La relazione si basa sui risultati della terza riunione dell'FG3, svoltasi l'11 novembre 2010 a Bruxelles nei locali del Punto di contatto RESR. La relazione stabilisce quanto segue:

  • per l'azione comune, le risposte fornite al sondaggio hanno portato all'identificazione di tre diversi tipi di definizioni, orientate, rispettivamente, al processo, al risultato o al tipo di spesa.
  • per le categorie generali di costi comuni, i partecipanti all'FG hanno deciso di stabilire una lista sistematica in cui saranno riassunte, per categoria di costo, le voci di spesa più spesso evocate. Questo risultato è stato completato dall'illustrazione di un "caso" che descrive l'approccio tipico di un GAL alla questione dei costi comuni.
  • i settori chiave più spesso presi in considerazione per i progetti di cooperazione hanno condotto allo sviluppo di quattro cluster di CTN: gli effettivi temi transfrontalieri / transnazionali; temi non specifici dei settori, temi specifici dei settori e temi orientati a gruppi target.

Sulla base di quanto sopra, il Focus Group ha formulato proposte di diffusione nella sua relazione al fine di condividere le informazioni e i risultati, a beneficio della varietà di interlocutori rurali potenzialmente interessati alla CTN.

È stata prevista l'introduzione dei risultati dell'FG3 nelle altre attività della RESR inerenti all'attuazione e al miglioramento della politica di sviluppo rurale dell'UE.

Documenti rilevanti

  • Documento di sintesi del mini-sondaggio [PDF]
  • Relazione al sottocomitato LEADER del 20 maggio 2010 [PDF]
    • Allegato [ZIP

      ]