Gruppi di lavoro LEADER 1: Attuazione dell''approccio ascendente di LEADER

Gruppi di lavoro LEADER 1: Attuazione dell'approccio ascendente di LEADER

Incarico

I principali obiettivi del Focus Group (FG) 1 sono:

  1. Costituire un inventario dei modelli di attuazione di LEADER;
  2. Identificare le principali difficoltà e ostacoli nell’attuazione dell’asse LEADER ed estrapolare le buone prassi;
  3. Riflettere insieme sulle possibili soluzioni, a qualsiasi livello di attuazione sia nel breve che nel medio e lungo periodo al fine di migliorare gli aspetti amministrativi di attuazione di LEADER.

Co-presidenti

Raffaella Di Napoli, RRN Italia e Panagiotis Patras, ELARD

Partecipanti

Il Focus Group 1 ha 31 partecipanti provenienti da 20 Stati membri e include rappresentanti delle Autorità di gestione, unità di supporto RRN, ONG e istituti di ricerca.

Principali attività fino al febbraio 2011

  • Ai partecipanti del Focus Group e agli altri rappresentanti delle RRN è stato distribuito un questionario sull'attuazione dell'approccio LEADER, inteso a coprire un numero quanto più esteso possibile degli 88 PSR e dei 27 SM. Il questionario verteva su diversi aspetti relativi alle procedure di attuazione, come i compiti dell'organismo responsabile nell'ambito del programma PSR, la procedura di selezione dei GAL nonché gli aspetti finanziari e amministrativi. I risultati preliminari delle attività d'inventario e relative al questionario sono stati presentati e discussi in una riunione svoltasi a Roma il 24 marzo 2010, nel corso della quale sono stati inoltre presentati casi di studio relativi all'attuazione di LEADER.
  • Una bozza di relazione intermedia è stata redatta e presentata alla riunione del sottocomitato LEADER del 20 maggio 2010.
  • A dicembre 2010 è stata preparata la versione finale e ampliata della relazione. La relazione descrive i due modelli di attuazione di LEADER (decentramento della selezione dei progetti e del pagamento ai beneficiari, decentramento dell'approvazione dei progetti) e analizza, in alcuni SM gli ostacoli relativi all'assenza di una chiara distinzione tra i ruoli dell'AG e dei GAL; i vincoli inerenti alle capacità dei GAL; l'inadeguatezza delle misure di sviluppo rurale per LEADER; l'incapacità di alcuni GAL di mettere efficacemente in atto progetti complessi e strategie di sviluppo locale integrate; i vincoli posti dalla regolamentazione finanziaria e dal sistema di controllo. Alla fine del 2010 è stata stilata una sintesi della relazione estesa.
  • Nella riunione del 20 maggio 2010, il sottocomitato LEADER è pervenuto alla conclusione che occorre approfondire ulteriormente gli aspetti problematici identificati dall'analisi (costi operativi dei GAL, sostegno ai progetti complessi e ai progetti su scala ridotta). È stato dunque preparato e inviato ai partecipanti del Focus Group 1 un secondo questionario sugli "aspetti specifici dell'attuazione di LEADER". Al 31 ottobre 2010 erano stati ricevuti 36 questionari. Sulla base delle risposte ricevute è stata preparata una bozza di relazione integrativa, che è stata in seguito presentata alla riunione del sottocomitato LEADER il 12 novembre 2010. La versione finale della relazione integrativa sugli aspetti specifici dell'attuazione dell'approccio LEADER è stata stilata nel febbraio 2011.

Ulteriori attività

È previsto che i risultati dell'FG1 vengano introdotti nelle altre attività della RESR inerenti all'attuazione e al miglioramento della politica di sviluppo rurale dell'UE, ivi compreso il lavoro del gruppo tematico sui meccanismi di attuazione della politica di sviluppo rurale dell'UE.

Documenti rilevanti

  1. Sintesi della relazione estesa [PDF]
  2. Relazione estesa [PDF]
  3. Relazione integrativa su aspetti specifici dell'attuazione dell'approccio LEADER [PDF]